Daniela Donno

Lecce

 58 anni

Titolo di studio: Diploma

Professione: Altra professione

  

Curriculum Vitae

La mia vita lavorativa è cominciata subito dopo aver conseguito il diploma di maturità tecnica ad indirizzo generale nel 1978, facendo l’impiegata in diversi settori. 
Per quasi dieci anni ho lavorato in un’agenzia di assicurazioni, poi in uno studio legale, in una ditta di servizi, come segretaria di amministrazione, webmaster, organizzatrice di eventi, operatrice di call center, ufficiale di percorso e verificatore sportivo, esperta di qualifica, badante e babysitter. 
Nel frattempo, ho ampliato le mie conoscenze frequentando corsi di formazione ed ho ottenuto ulteriori qualifiche: di operatore informatico, soccorritore, operatore contabile, stenotipista e segretaria. 
Ho mantenuto costante il mio impegno nel sociale avendo particolare cura per gli anziani ed i disabili e, come socio Auser, ho prestato servizio nel ruolo di vigile ambientale. Sono stata, inoltre, tutor d’aula nei corsi per il conseguimento delle patenti per ambulanza in Croce Rossa, di Volontario del Soccorso e di soccorritore di Protezione Civile. 
La forte crisi del mercato del lavoro, specie nel meridione, il nepotismo e la totale assenza di idonee politiche occupazionali, hanno contribuito alla mia precarietà lavorativa. Nonostante questo, non mi sono mai arresa, l’importante è trovare nuovi slanci e non fermarsi mai!

Dichiarazione di intenti

Accetto e dichiaro di rispettare quanto previsto nello statuto del Movimento 5 Stelle, del Codice Etico, e del Regolamento per la selezione dei candidati del Movimento 5 Stelle alle elezioni politiche del 2018.  Mi impegno ad onorare e ad essere il mezzo, cioè colei che porterà letteralmente “la voce” delle istanze dei cittadini all’interno delle Istituzioni, dando forma alle proposte che verranno avanzate, anche dalla rete, e sostenendole con tenacia, perché – prima di ogni altra cosa – sono un’attivista nel Movimento 5 Stelle. 
Ho a cuore le sorti del Paese, le tradizioni ed il benessere della mia Terra: per questo motivo ho rinnovato la disponibilità della mia candidatura. 
Avrò particolare riguardo verso le singole esigenze di tutti noi cittadini. A questo proposito, ritengo sia fondamentale migliorare il quotidiano della collettività, attraverso la difesa della salute e dell’ambiente, la promozione della mobilità pubblica sostenibile, un’istruzione pubblica e formazione garantita a qualsiasi età e livello, la promozione della filiera corta e delle produzioni locali, un reddito di cittadinanza che restituisca dignità a coloro che non trovano sostentamento, incentivi per la conversione e bonifica di impianti industriali fortemente inquinanti, utilizzo di fonti rinnovabili e progressivo abbandono delle fonti fossili, gestione sostenibile dei rifiuti attraverso l’efficientamento della raccolta differenziata ed il riciclo. 
Il mio pensiero sarà soprattutto rivolto alla tutela ed alla salvaguardia dei territori, dei diritti umani, civili e sociali, delle fasce deboli, degli svantaggiati, del territorio tutto, sempre nel rispetto delle regole e del buon vivere comune.

Esperienze politiche

Nel 2013 sono stata eletta Portavoce dei cittadini in Senato. 
In questa XVII legislatura ho ricoperto il ruolo di componente della 14° commissione Politiche dell'Unione Europea, capogruppo nella 9° commissione Agricoltura, Vicepresidente della commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei Diritti Umani.
Cinque anni di impegno, battaglie, scontri, ma anche di risultati e soddisfazioni. La mia attività si è imperniata su punti fermi ben precisi, vale a dire, in particolare: sostegno alle fasce deboli, protezione dei diritti umani e civili, contrasto alle violenze di ogni genere, rispetto della giustizia, lotta contro la mafia, integrazione sociale, risoluzioni per emergenza abitativa, indagini conoscitive su comparto agro-alimentare e della pesca, supporto territoriale, tutele concrete per i lavoratori (specie in difficoltà ri-allocativa e in cassa integrazione), salvaguardia dell’ambiente e lotta alle fitopatie, supporto per le piccole e medie imprese locali in crisi, valorizzazione del made in Italy agroalimentare e del comparto ittico, contrasto agli sprechi, difesa dell’economia verde e della mobilità sostenibile, pacifica opposizione a tutte le opere ed infrastrutture intrusive del paesaggio e dell’ecosistema, con particolare attenzione a quelle in via di realizzazione nel Sud Italia e in Puglia.
Ascoltare, dibattere e poi trasformare in proposte le istanze del territorio hanno rappresentato le grandi linee guida della mia esperienza da Portavoce, in un continuo ed instancabile confronto con i cittadini.
È stata, senza dubbio, un’esperienza bellissima e gratificante durante la quale ho cercato di essere “ponte” tra le difficoltà, i disagi, le problematiche della mia Comunità e la loro risoluzione, accettando con determinazione ed entusiasmo le varie sfide che si sono presentate lungo il cammino.


Curriculum attivista

Sono entrata a far parte del Meetup Salentini Uniti con Beppe Grillo di Lecce nel 2006 come semplice spettatrice e simpatizzante, nell’anno successivo mi sono iscritta ufficialmente e, sin da subito, mi sono sentita parte integrante di un grande fermento culturale e sociale, anche grazie all'accoglienza e alla simpatia del gruppo salentino. 
Ho partecipato e contribuito attivamente a tantissime iniziative locali: banchetti informativi dentro e fuori la città di Lecce, video di denuncia su discariche abusive, attività di informazione, riunioni, incontri a tema ospiti ed esperti. 
Nel corso del tempo, ho maturato particolare interesse per tutti quei temi che costituiscono – purtroppo – delle vere e proprie emergenze non solo in Puglia, ma anche nel resto d’Italia, vale a dire: ambiente, acqua pubblica, trasporti, connettività e sviluppo.
Attraverso lo studio, approfondimenti tematici, la frequentazione di corsi di perfezionamento ed un continuo e proficuo confronto, ho compreso quanto fosse necessario e basilare migliorare la qualità della vita di tutti noi, partendo da semplici regole, quali – per iniziare - il rispetto e la difesa degli spazi comuni. 
Con gli attivisti del gruppo leccese, con quelli di altre città, e con le associazioni del territorio, ho partecipato e contribuito fattivamente alla campagna di sensibilizzazione organizzata dal Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua, sia nella fase di raccolta firme, sia nella successiva fase referendaria. 
Nel 2011, sono stata componente del Comitato promotore dell’iniziativa “Zero Privilegi Puglia”, una proposta di Legge di Iniziativa Popolare che prevede il dimezzamento delle indennità e dei privilegi dei Consiglieri Regionali. 
Successivamente, ho presentato la mia candidatura in occasione delle consultazioni elettorali amministrative dell'anno 2012 per la città di Lecce: un’esperienza complessa, ma per certi versi anche gratificante, sebbene i risultati ottenuti dalla lista non siano stati determinanti per un cambiamento concreto. 
Ho organizzato e partecipato a tantissimi eventi per la difesa del mio territorio, la Puglia e l'Italia come per esempio, No Acqua Rossa Melendugno, Giù le mani dalla Palascia, No Mare Nero, No Biomasse Cavallino, Coopersalento, NoTAP, centrale di Cerano, Ilva, NoTAV, lavoratori Indesit, comparto pesca, settore agricolo, Lavoratori B.A.T., lavoratori call center, alluvione Gargano, riordino ospedaliero, femminicidio, cyberbullismo, Giù le mani dal nostro Mare, presidi a sostegno della Giustizia e della Legalità. Ho partecipato al primo e attivamente al secondo V-DAY, e con estremo orgoglio, ho partecipato a tutte le edizioni di Italia 5 Stelle ed a tantissime iniziative del M5S traendone sempre un proficuo scambio di conoscenza ed informazioni.