Roberta Lombardi

Roma

 44 anni
Professione: Impiegato
Titolo di studio: Laurea
Pagine personali
Video di presentazione
Curriculum Vitae:
Sono Roberta Lombardi, romana, mamma di due bellissimi bambini di 3 e 5 anni, attivista 5 stelle da circa 11 anni. 
Ho una Laurea in Giurisprudenza con tesi in Diritto Commerciale Internazionale conseguita alla Sapienza di Roma ed un corso post laurea in Sviluppo Manageriale. 
Il mio ultimo lavoro prima di entrare in Parlamento era presso un'azienda italiana, anzi romana, che fa arredamento d'interni chiavi in mano per clienti Top Spender (emiri, miliardari vari, oligarchi russi etc etc) in tutto il mondo. Lavoravo (e tornerò a lavorare, alla fine della mia esperienza da portavoce) nel settore del Lusso e del Made in Italy ed oltre a trovare molto stimolante quello che facevo sono fiera di portare il meglio del nostro paese in giro per il mondo. 
Dichiarazione di intenti:

I principi del Movimento 5 Stelle sono e saranno le mie linee guida.

Non è tempo di promesse ma di un serio e concreto lavoro per risolvere le problematiche quotidiane dei cittadini nella Regione Lazio.

Le priorità sono casa, rifiuti, lavoro, trasporti e soprattutto sanità che incide fortemente sul bilancio regionale. Nulla in questi anni è stato risolto dalla politica dei partiti che anzi ha reso ancora più lunghe le tristemente note liste d’attesa per una prestazione sanitaria e chiuso ospedali.

La Regione Lazio deve essere un motore economico forte e nazionale con le sue eccellenze tanto nel campo della ricerca medica, quanto nelle sue ricchezze territoriali enogastronomiche. Un territorio che con l’agricoltura pone al centro tradizione e qualità. Un’agricoltura che rifiuta il caporalato e lo sfruttamento dei lavoratori ma che invece premia la ricerca, l’innovazione e ha come orizzonte i mercati esteri.

Un motore economico alimentato dal suo patrimonio storico culturale. Un territorio che pone la legalità nel lavoro e nella sua economia al centro dell’agenda politica e che reagisca alla fortissima presenza delle mafie che stanno pesantemente condizionando tutto il territorio. Si sottovaluta da troppo tempo la grave infiltrazione di mafia, camorra e ‘ndrangheta tanto sulla fascia costiera (e quindi le attività stagionali e non solo) quanto nell’economia ortofrutticola e quindi il radicamento nei territori interni. Non ci può essere benessere diffuso se le mafie continuano a prosperare.

Gli intenti non possono prescindere dalla propria visione di una Regione che diventa ragione di vita. Una Regione in cui il lavoratore può essere un pendolare senza le vessazioni del tempo rubato. Una Regione in cui essere madre, avere dei figli, farli studiare non deve essere una lotta ma un’opportunità. Una Regione in cui i giovani possano formarsi e rimanere a lavorare, e non dover emigrare sempre e comunque.

Una Regione che ha cuore e accudisce i suoi anziani che sono il patrimonio della memoria. Un Regione che non lascia indietro nessuno, che cura tutti per davvero e non solo chi ha risorse economiche. Una Regione di cittadini liberi. 
Esperienze politiche:

Cercando di dare un ordine alle mie esperienze politiche, quella che mi viene subito in mente è sicuramente l’altissimo onore di essere stata nominata dai miei colleghi portavoce in Parlamento prima capogruppo del primo gruppo Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel 2013. 

Un impegno gravoso e delicato che ho cercato di portare avanti con entusiasmo ed umiltà. 

Da quella esperienza ho compreso come l’attenzione mediatica purtroppo non sia sempre la stessa perché ben altro trattamento ho ricevuto in questi anni quando sono stata in strada a fianco dei lavoratori della Tim o di Alitalia o dei Call Center o degli inquilini truffati. Non c’erano giornali o TV a seguirmi in quei momenti e diventava più difficile far sentire la propria voce a difesa dei diritti negati.

Ho imparato anche cose buone, come ad esempio un privilegio della casta possa diventare l’unico scudo a difesa dei più deboli colpiti dall’ingiustizia. Più di due anni fa ho spostato il mio domicilio parlamentare, inviolabile per Costituzione, presso l’abitazione di una madre con due bambini sotto sfratto ingiusto per impedire che venissero buttati in mezzo ad una strada. Più e più volte abbiamo atteso insieme l’ufficiale giudiziario e la forza pubblica per eseguire uno sgombero che non dovrebbe esserci se solo fosse applicata la legge sull’edilizia convenzionata. Da qui il mio totale impegno affinché venga fatta giustizia portando denunce su denunce in procura e riuscendo a far aprire fascicoli e sequestrare immobili. 

Gli enti previdenziali sono stati e sono un altro dei miei campi di azione politica, portando avanti battaglie complesse che non permettano a pochi di defraudare delle dovute pensioni tanti lavoratori. Ogni diritto in Italia viene negato perché nelle mani di pochi diventa un abuso, una truffa che porta lacrime e sangue a famiglie vere, reali.

Fondamentale è stato affrontare il tema sicurezza, difesa e soccorso. Comprendere il funzionamento, le storture, interagire e costruire rapporti con le forze dell’ordine a tutti i livelli che permettesse di capire cosa la politica poteva fare di più affinché il bisogno di sicurezza dei cittadini fosse rispettato. Mio l’emendamento approvato che ha portato alla nascita del NUE, il Numero Unico di Emergenza 112.

Ascoltare con attenzione e umiltà e applicare il buon senso: questa deve essere l’esperienza politica principale, perché solo così si può giungere al cuore di un problema e risolverlo.  

Curriculum attivista:

Ho iniziato la mia avventura nel Movimento il 30 gennaio 2007 quando, girovagando in rete, scoprii che c'erano persone nella mia città che si incontravano per discutere ampiamente su un forum (il meetup Amici di Beppe Grillo di Roma) le tematiche affrontate dal blog e organizzavano le attività che da questo confronto on line venivano ideate. Mi iscrissi ed iniziai a partecipare, prima in punta di piedi e poi con sempre maggior coinvolgimento. Con loro in quegli anni sono stata responsabile Lazio per il gruppo sulla Class Action, organizer dello storico meetup Roma, responsabile staff legale, responsabile comunicazione, responsabile relazioni esterne. Ho organizzato con un manipolo di folli i due Vday e creato la lista civica romana del 2008.

Una volta entrata in Parlamento, al di fuori del mio ruolo da deputata e come semplice attivista volontaria ho organizzato le prime 3 edizioni di Italia 5 Stelle.

Posto qui una sintesi di cosa rappresenta per me l'attivismo 5 stelle che ha 
pubblicato il Blog ormai 5 anni fa:

"Ciao a tutti, sono una cosiddetta grillina.
Per i giornali, sono una nullità che scompare all'ombra di Beppe Grillo.
Per gli scettici, sono una povera ingenua che lavora aggratisse per il riccone.
Per i partiti, sono eversiva, fasssista, populista, demagoga.
Per quelli che sanno tutto, sono già esistita ma tanto non è cambiato nulla.
Per i complottisti, sono involontariamente al servizio dell'instaurazione del Nuovo Ordine Globale.
Per i talebani di PDL e PD-L sono come loro e sto cercando il mio posto al sole.
Per Bersani, non ho il coraggio di dirgli in faccia che è un fallito e che ha inciuciato con i piduisti.*
Per Renzi, se loro diventano grillini, allora noi passiamo dal 20% al 2% (e chi se ne frega? Vuol dire che iniziano a fare una buona volta gli interessi dei cittadini).
Per Zingaretti.... Zingaretti chi? Non pervenuto.**
Per Alemanno, non nevico, non faccio pioggia, non porto siccità quindi non mi può usare come scusa.
Per Berlusconi, sono troppo vecchia per il bunga bunga.
Per la mia famiglia, sono una specie di aliena che invece di vivere la sua vita, dedica il suo tempo libero dietro ad una chimera.
Per il mio compagno, sono la sua idealista ma che sta iniziando a cambiare il mondo.
Per mio figlio di pochi mesi, spero di essere un esempio.
Per i miei concittadini in Movimento, ci sono sempre.
Per me stessa, sono una cittadina fiera."

 

*poi mi è capitato di dirgli in faccia a Bersani un paio di cosette J

**profetica

Per maggiori informazioni su di me e sulla mia attività in Parlamento, vai a leggere il mio 
blog