Riforma del Sistema Monetario

Individuazione delle soluzioni concrete di carattere monetario per uscire dalla crisi economica

Proponente:
Massimo Taddia
Zola Predosa

 44 anni
Professione: Impiegato
Titolo di studio: Laurea
Obiettivo:
Individuare un piano concreto e realizzabile per fornire allo Stato strumenti monetari per elaborare politiche economiche per uscire subito dalla crisi, pianificando una vera a propria riforma del sistema monetario che permetta di realizzare una moneta di proprietà dei cittadini e libera dal debito.
Descrizione:
La proposta di legge è costituita da n.2 fasi. 1° Fase Soluzioni concrete e realizzabili subito per affrontare l'emergenza e difendersi dai mercati finanziari, interrompendo le politiche di austerity: - Banche Pubbliche, per risparmiare circa 70 mld di € all'anno di interessi sul debito pubblico e sostenere l'economia, come fa la Germania; - Certificati di Riduzione Fiscale, per iniettare nuova liquidità nell'economia reale, per più di 100 mld di € all'anno; - Titoli di Stato Fiscali, utilizzabili per pagare le tasse, in modo da impedire le speculazioni al ribasso sui Titoli nei mercati finanziari; - Banca d'Italia Pubblica, per controllare le politiche monetarie e il funzionamento del sistema bancario; - Sistema di monete complementari comunali o provinciali, per incentivare lo sviluppo delle economie locali. 2° Fase Riforma del sistema monetario per gestire la sovranità monetaria e le politiche economiche: - Creare nuovo denaro per l'economia reale, richiedendo alla BCE di raggiungere gli obiettivi previsti dai Trattati, che sono la stabilità dei prezzi, cioè inflazione 2%, una crescita economica equilibrata e la piena occupazione; - Riforma del sistema bancario, per evitare l'eccessiva instabilità ed avere una netta separazione tra banche di semplice deposito, di credito commerciali e d'investimento speculativo. Se la BCE non è disponibile a creare nuovo denaro per l'economia reale, predisporre un piano morbido e non traumatico per uscire dall'euro in 2/3 anni, attraverso questi ulteriori passi: - Lo Stato inizia a spendere e tassare in una nuova Moneta Nazionale; - Lascia i conti correnti esistenti in Euro, nessuna conversione forzosa dei depositi; - Converte i mutui ipotecari da Euro alla nuova moneta, con sostegni alle banche. Conclusioni L'obiettivo finale è realizzare una Riforma Monetaria per una moneta di proprietà dei cittadini e libera dal debito, con la quale raggiungere il benessere di tutti e non solo di pochi privilegiati.
Stato della legislazione:
La legislazione italiana in materia ha prodotto provvedimenti che negli ultimi 30 anni hanno smantellato il sistema monetario nazionale per dipendere dal sistema bancario privato e dal sistema autonomo dell'Eurozona. Attualmente la sovranità monetaria è ancora in mano allo Stato che però non ha, o ha deciso di non utilizzare, gli strumenti per esercitarla. Infatti la Banca d'Italia definisce signoraggio
Comparazione:
Riguardo l'adozione dell'euro, Giuliano Amato ha ammesso:
Esperienza:
Con Luca Nicotri sono Consigliere Comunale del M5S a Zola Predosa (BO), questi i nostri riferimenti http://zolapredosa5stelle.blogspot.it/ e https://www.facebook.com/groups/movimento5stellezola/ Abbiamo individuato nel sistema monetario l'origine principale dei nostri problemi ed abbiamo deciso di dedicare il nostro tempo a studiare, analizzare ed elaborare proposte per uscire dalla crisi economica, con un'azione partecipata e condivisa in più di 60 incontri, cui hanno assistito più di 3.000 cittadini. Abbiamo fondato due gruppi : - Gruppo