Riordino settore aeronavigante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attribuzione al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco dei servizi di Elicoccorso

Proponente:
Vincenzo Antona
Vercelli

 62 anni
Professione: Imprenditore
Titolo di studio: Geometra
Obiettivo:
L'obiettivo, oltre a quello di razionalizzare il servizio e dare una completa assistenza alla popolazione, è quello di risparmiare circa 15/18 milioni annue per regione (oltre 200 milioni annue su scala nazionale) in quanto questo servizio viene appaltato a privati (con tutto quello che ne consegue)
Descrizione:
Come noto, la componente aerea del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha in dotazione elicotteri, sedi e personale che effettuano il servizio di soccorso urgente e compiti di protezione Civile con elicotteri. Tale servizio, però, non include il soccorso sanitario aereo (elisoccorso), che viene demandato a ditte private dalle Regioni a seguito di gare di appalto con la relativa corresponsione svariati milioni di euro annui (a carico della collettività), con il risultato che gli elicotteri dei vigili del fuoco sono sottoutilizzati mentre si spendono milioni di euro per avere un servizio che potrebbe essere effettuato dallo Stato. Dato che il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco possiede la necessaria capacità, professionalità, organizzazione e capillarità sul territorio nazionale per poter effettuare tale servizio, si chiede che il servizio di elisoccorso venga inserito come 'soccorso tecnico urgente' e, quindi, demandato al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il risparmio, dopo l'opportuna organizzazione, sarebbe molto consistente in quanto, una volta acquisiti i mezzi aerei (con quello che si spende per dare l'appalto di un anno ai privati, gli elicotteri si acquistano e poi sono di proprietà dello stato) le spese successive saranno solo quelle di manutenzione, carburante e personale, con risparmi annuali, su tutto il territorio nazionale, di centinaia di milioni di euro. Ovviamente la proposta è molto articolata e parla di organizzazione operativa, che per mancanza di spazio non si può spiegare in questo sito. Il dato di fatto comunque è questo: si fa in modo che il personale ed i mezzi dello stato vengano utilizzati al meglio con un evidente vantaggio per i cittadini e per le casse dello Stato (le cronache sono piene di fatti dove si parla di elicotteri blu o di contratti di elisoccorso poco chiari - documentati). Lo scopo è quello di dare un servizio capillare e specialistico alla cittadinanza risparmiando centinaia di milioni di euro.
Stato della legislazione:
Decreto del 10 Dicembre 2012
Comparazione:
In Italia il soccorso con elicottero è sempre gratuito. Fanno però eccezione Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige e Veneto. In Svizzera L'intervento dell'elicottero costa circa 2.200/2.500 franchi (1.680-1.900 euro), poi ci sono i costi per i soccorritori, il ricovero ecc. Se non si vuole rischiare di pagare l'intervento dei soccorritori, si può diventare soci sostenitori della Rega, la Guardia aerea svizzera di soccorso (www.rega.ch), con una spesa annuale di 30 franchi (23 euro) a persona. In Austria se si paga un contributo annuale di 22 euro si diventa soci sostenitori del Soccorso alpino austriaco in caso di intervento non ci saranno costi. Per l'assistenza sanitaria basta la propria tessera sanitaria (carta regionale dei servizi). In Francia le prestazioni sanitarie di emergenza sono gratuite come peraltro in tutti i Paesi della Ue. Sulle montagne francesi, però, si paga l'intervento di soccorso: 125 euro per l'ambulanza e 347 euro per il servizio toboga più ambulanza. Per l'eventuale elicottero i costi dipendono dalla quota: se l'intervento è sopra i 2.600 metri di altezza si spendono da 749 euro, sotto tale quota 676.
Esperienza:
ex Dipendente Ministero dell'Interno Dir. Gen. Protezione Civile e Serv. Antincendi. - Conseguimento brevetto di Pilota di Elicotteri presso Aeron. Militare su mandato del Min. Int. Dir. Gen. Prot. Civile e SS.AA. - Pilota Operativo Elicotteri c/o Min. Int. Dir. Gen. Prot. Civile e SS.AA. presso le sedi regionali ubicate a Roma – Bari – Salerno – Modena (ora base a Bologna) - Genova e Torino. - Pilota Civile Privato di Elicotteri. - Pilota Civile Commerciale di Elicotteri. - Brevetto di radiotelefonista (con abilitazione in lingua inglese) - Conseguimento c/o Stato Maggiore dell’Aeronautica attestazione 2° corso Prevenzioni Incidenti e Sicurezza Volo. - Membro commissione ministeriale per stesura Manuale Operativo Reparti Volo Dir. Gen. Prot. Civ. e SS.AA. - Tra i fondatori del rep. di Volo della Dir. Gen. Prot. Civile - C.N.VV.FF. della Regione Piemonte e Valle D’Aosta ubicato a Torino Caselle - Resp. Operativo Reparto di Volo - Resp. Sicurezza Volo e addestramento