TFR

Il TFR deve essere erogato dall'inps dopo il licenziamento a prescindere dal fallimento o procedura

Proponente:
Sebastiano Marino
Melilli

 55 anni
Professione: Disoccupato
Obiettivo:
Lo scopo è che migliaia di lavoratori dopo anni dal licenziamento non possono accedere al proprio TFR perchè le aziende usano mille cavilli per allungare i tempi delle procedure o fallimenti a proprio vantaggio ed a danno degli ex dipendenti
Descrizione:
Il TFR dopo il licenziamento anche collettivo per fallimento anche se impugnato o procedura di concordato preventivo deve essere elargito al lavoratore entro 90 giorni al massimo.a prescindere di tutto.
Stato della legislazione:
Lo stato della legislazione è tutta a favore del datore di lavoro dell'INPS e curatela che rimbalzandosi le responsabilità non fanno accedere ai propri soldi e diritti i lavoratori.
Comparazione:
Non ho esempi da proporre
Esperienza:
Sto pagando sulla mia pelle di come mi viene difficile entrare in possesso del mio TFR lasciato all'INPS e non alla previdenza complementare perche il datore di lavoro ha impugnato il fallimento dopo che è stato dichiarato fallito in primo grado di giudizio ha cambiato tribunale e la procedure deve ricominciare questo dopo che sono passati 5 anni ormai ed per questo chiedo che venga elaborata una legge in cui dopo un licenziamento collettivo l'INPS eroghi il TFR al lavoratore che non avendo neanche il lavoro e modo di rincorrere per affrontare spese di avvocati ed altro rimanga inerte alle angherie che subisce per leggi ingiuste.spero che venga letta la mia proposta ed elaborata con la competenza di cui io sono convinto a chi mi rivolgo.Buon lavoro